Tribunali: “nessuna proroga”

0
77

Hanno ormai i giorni contati i 947 uffici giudiziari che verranno cancellati allo scoccare della mezzanotte del prossimo 13 Settembre, quando entrerà ufficialmente in vigore la riforma delle sedi giudiziarie italiane voluta, sull’altare della spending review, dall’allora governo Monti. In tutta Italia cesseranno di esistere 30 tribunali, 30 procure, 220 sezioni distaccate e 667 sedi di giudice di pace. A ribadirlo in una intervista pubblicata stamani dal quotidiano romano “Il Messagero” è il ministro della giustizia, Anna Maria Cancellieri, che azzera qualunque possibilità di proroga: “La legge ci dà due anni di tempo per mettere mano ad eventuali correttivi, se necessari – ha detto il ministro – ma la riforma ora deve partire e partirà”. Destino segnato dunque, in provincia di Messina, per il tribunale di Mistretta e la sede staccata del tribunale a Sant’Agata Militello, che saranno accorpati a Patti, e quella di Milazzo, che tornerà a Barcellona. L’unica soluzione-ponte è rappresentata dallo strumento delle proroghe previsto dall’art.8 del decreto legislativo sui cosiddetti ”tribunalini”, che permette di mantenere, per non più di cinque anni, gli immobili degli uffici soppressi al servizio dell’ufficio giudiziario accorpante, in modo da  consentire la conservazione temporanea di vecchi archivi oppure lo smaltimento delle cause pendenti, mentre quelle future saranno incardinate nelle nuove sedi. Proprio tale soluzione, era stata prospettata mesi fa dal presidente del tribunale di Patti, Armando Lanza Volpe, riguardo al mantenimento della sede di Sant’Agata Militello. Quella proposta, per il mantenimento dell’archivio e delle sole cause pendenti, trovò però la netta opposizione del comitato spontaneo degli avvocati, che si espresse ufficialmente per il mantenimento della sede santagatese a pieno regime o per un immediato trasferimento. “Allo stato attuale la situazione è rimasta congelata – dichiara l’assessore santagatese Marco Vicari – . Dopo il primo confronto con il presidente del Tribunale e la riunione del comitato, non è seguito alcun altro passaggio ufficiale, attendiamo notizie in tal senso”. A ridare una speranza per il mantenimento in  vita del tribunale a Sant’Agata ed a Mistretta, era stato anche il voto in commissione giustizia del senato dell’emendamento, proposto dai senatori Bruno Mancuso e Lucio Malan per un rinvio di un anno della riforma. Come confermato però dal ministro Cancellieri, nessuna proroga prevista. Il 13 settembre si parte via alle chiusure.

Morosito