Alcara Li Fusi ricorda il Maestro Salvatore Cipitì

0
231

Un tributo alla memoria di un grande Maestro. Una serata di alta musica. Così Alcara Li Fusi ha reso omaggio, in occasione del compimento del centesimo anno dalla nascita, al Maestro Salvatore Cipitì, musicante, compositore, fondatore ed anima del corpo bandistico del piccolo centro nebroideo. Nella suggestiva atmosfera della Chiesa Madre di Alcara Li Fusi, si sono esibiti 50 artisti tra cui gruppi locali di grande spessore, come gli Antichi Suoni, i Marino Brothers, i Dynamic Brass Quintet ed i Nebrodi’s Brass Ensamble. Particolarmente intensa ed apprezzata l’esecuzione del brano dal titolo “Sognando Alcara”, per trombone ed organo composto dal figlio del Maestro Cipitì’, Silvio ed eseguito da Basilio Sanfilippo, primo trombone dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, nonché nipote del Maestro. Commuovente il ricordo, nostalgico ed affettivo, di chi ha ricevuto i suoi insegnamenti, apprezzandolo per le sue doti, non solo umane ma anche professionali.  L’amministrazione comunale ha omaggiato il Maestro Cipitì, intitolando alla sua memoria, la sala concerto della sede del Corpo Bandistico di Alcara Li Fusi.