Nubifragio, Sant’Agata in ginocchio

0
146

Ore di grande apprensione a Sant’Agata Militello a causa del violento nubifragio che si è abbattuto sulla zona tirrenico nebroidea tra le 20 e le 21 di Venerdì sera. Sant’Agata Militello in tilt a causa dell’esondazione di tutti i tombini del sistema di raccolta delle acque piovane. Frane e smottamenti nelle contrade più alte, con pietre e detriti che hanno invaso la sede stradale. L’episodio più grave riguarda uno smottamento verificatosi in contrada Salarona.  Un’autovettura utilitaria con a bordo un uomo è stata infatti travolta dalla fanghiglia scesa dalla parete rocciosa e trascinata fuori dalla sede stradale. La macchina ha sfondato il guardrail precipitando per un paio di metri nella scarpata sottostante, all’interno della quale, fortunatamente per il conducente del veicolo, era presente una fitta vegetazione che ha attutito l’impatto. L’uomo è stato tirato fuori dal mezzo dagli uomini del 118 che sono giunti subito sul posto e trasportato all’ospedale santagatese. Le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni. In centro le strade sono state letteralmente invase dal fango,  oltre una ventina di abitazioni tra l lungomare Cosenz e la via Duca d’Aosta sono state invase dall’acqua piovana. I tombini del lungomare non hanno retto l’afflusso di acqua proveniente dalle zone più alte del centro abitato, rovesciando per la strada un autentico fiume di fango. Diverse autovetture sono rimaste bloccate, impossibilitate a proseguire la marcia.