Capo d’Orlando, arrestato un cingalese. Lotta per la vendita in spiaggia

0
151

Si contendevano un tratto di spiaggia del litorale orlandino per la vendita di bigiotteria, occhiali e teli da mare. Un mercato fiorente lungo i dieci chilometri di costa orlandina e che ogni giorno richiama una trentina di extracomunitari che vendono di tutto tra i bagnanti. Si tratta di stranieri, in larga parte provenienti dal Bangladesh e dal nord Africa, che arrivano a Capo d’Orlando in treno, di prima mattina, da Palermo, dove poi fanno ritorno in serata.
Ieri, però, gli accordi che evidentemente esistono tra i “vu cumprà” che affollano la spiaggia paladina, evidentemente si sono incrinati ed è scoppiata una furibonda lite tra tre cingalesi.
Tutto è successo nel tratto di lungomare a ridosso tra l’Andrea Doria ed il Ligabue.
I tre hanno cominciato a litigare sulla sabbia davanti a centinaia di testimoni. Poi dalla parole sono passati ai fatti e ne è scaturita una colluttazione con tanto di inseguimento tra i bagnanti.
Immediato l’arrivo dei Carabinieri che sono riusciti a bloccare i tre stranieri.  Dapprima sono stati trasportati alla guardia medica per le ferite riportate nella colluttazione e poi, dopo averli interrogati in caserma, per uno di loro, 44enne, è scattato l’arresto per tentata estorsione. Accusa collegata, ovviamente alla contesa del territorio da occupare per la vendita ambulante.
L’episodio di ieri ripropone un fenomeno che quest’anno si sta verificando con maggiore frequenza. Una massiccia presenza di ambulanti sulla spiaggia e tra i locali orlandini. Ieri mattina è stata la polizia municipale, coordinata dalla comandante Maria Teresa Castano ad effettuare ulteriori controlli eseguiti dall’ispettore superiore Nino Longhitano con lo sgombero di due zone in cui cittadini, in questo caso romeni, avevano realizzato giacigli abusivi. Una zona è quella retrostante il cineteatro dove è stata eseguita una totale bonifica mente la polizia ha provveduto a sgomberare una coppia romeni residenti a Sant’Agata in uno spazio di verde pubblico all’interno della stazione ferroviaria.