Violenza inventata

0
29
Morosito

E’ stato in carcere per oltre un mese, detenuto alla casa minorile di Acireale, con un’accusa pesantissima: violenza sessuale nei confronti della cuginetta di sei anni. Ma ora è stato scarcerato per mancanza di gravi indizi di colpevolezza, in quanto la bambina ha ritrattato le accuse, ammettendo di essersi inventata la storia. L’inchiesta scattò dopo che  la bambina, residente nel comprensorio di Barcellona, ha iniziato a manifestare disturbi strani: non dormiva e a scuola utilizzava con le compagnette espressioni volgari. Fu chiamata la madre e quindi, dopo la denuncia, scattarono le indagini e le testimonianze delle maestre e della bambina, che avrebbero confermato i fatti. Il ragazzo, il 10 giugno scorso fu arrestato su ordinanza di custodia cautelare del giudice del tribunale dei minori, Michele Saja e condotto ad Acireale. Nel frattempo, il suo legale, Pinuccio Calabrò,avendo verificato alcune contraddizioni nell’inchiesta, chiese che venisse celebrato l’incidente probatorio e fu sentita nuovamente la bambina, ma alla presenza di una neuropsichiatra infantile, in audizione protetta, davanti al gip; in quella che si può considerare un’anticipazione del processo, la bambina avrebbe detto di essersi inventata tutto e di aver raccontato cose che aveva visto in tv.