Sequestrate tre tonnellate di pesce

0
27

Quasi tre tonnellate di pesce fresco, congelato ed in corso di lavorazione è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza di Sant’Agata Militello nell’ambito di una operazione che ha portato anche alla denuncia del titolare di una azienda ittica per sversamento illegale delle acque reflue. Anche l’impianto è stato sequestrato ed il titolare deenunciato.
Le Fiamme Gialle hanno svolto il controllo presso una azienda operante nel settore della lavorazione del pesce riscontrando che il titolare si avvaleva dell’opera di 4 lavoratrici completamente in “nero”. Inoltre, nello stabilimento si procedeva al lavaggio, lavorazione e trasformazione dei prodotti. Lo sviluppo dell’attività ha inoltre consentito di appurare che la società svolgeva l’attività di vendita e lavorazione di prodotti ittici in assenza delle prescritte autorizzazioni sanitarie, pertanto tutta la merce presente è stata sottoposta a sequestro amministrativo mentre il fascicolo è stato trasmesso anche all’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina per i successivi provvedimenti di competenza.
Ulteriori sopralluoghi hanno, inoltre, permesso di appurare che la ditta sversava i reflui provenienti dalle lavorazioni direttamente nella condotta comunale, senza una preventiva depurazione ed in assenza delle prescritte autorizzazioni.
L’attività eseguita dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Sant’Agata di Militello ha quindi complessivamente condotto alla contestazione delle violazioni in materia di “lavoro nero”; al sequestro di oltre 2.700 chili di pesce congelato, fresco e conservato sotto sale. Si è proceduto inoltre al sequestro dell’impianto di sversamento delle acque reflue, alla segnalazione del legale rappresentante della società alla Procura della Repubblica di Patti e all’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina per gli aspetti igienici ed alimentari.