Brolo. Rapinata in casa ?

0
47

Inquietudine ma anche dubbi dietro la vicenda venuta alla luce questo pomeriggio in contrada Piana a Brolo.
Una donna ha avvisato i Carabinieri affermando di essere appena stata rapinata. Al loro arrivo, i militari, l’hanno ritrovata ancora legata con un nastro prelevato da un contenitore di attrezzi per cucito, bloccata ai polsi e seduta vicino ad un letto sul quale dormiva la figlia di tre anni che non si è accorta di nulla.
Appena liberata, la donna ha raccontato ai militari di essere stata aggredita da due persone col volto coperto da un passamontagna e dallo spiccato accento straniero. I due, secondo il racconto della vittima, sarebbero entrati nell’appartamento da una finestra che si trova a ridosso di una palazzina in costruzione. Quindi, dopo averla immobilizzata hanno messo a soqquadro la casa portando via merce ancora da definire e quantificare.
Il racconto, però, sembra presentare numerosi aspetti oscuri sui quali si stanno cercando riscontri.
Nessuno, nel vicinato, nonostante fosse il primo pomeriggio, si è accorto di nulla, nessuna impronta è stata ritrovata e le telecamere a circuito chiuso della casa derubata erano stranamente staccate.
Oltretutto, sarebbe la terza volta nel giro di pochi mesi che l’abitazione viene visitata e proprio dopo i primi due precedenti furti era stato installato il sistema di allarme.
Se la denuncia troverà conferme si tratterebbe di un episodio gravissimo che rappresenta un salto di qualità della criminalità nella zona dei Nebrodi dove simili episodi non hanno precedenti.
Per questo i Carabinieri non trascurano al momento alcuna pista.