Dimissioni del direttivo dell’A.S.D. Spadaforese. Il Sindaco rassicura: “Un nuovo impianto accanto all’elipista e contributo personale alla squadra”

0
97

Le dimissioni del direttivo della Spadaforese accendono i riflettori sulla questione “Farsaci”. Sembra infatti che, alla base delle decisioni del sodalizio giallonero, ci sia l’ormai prossima demolizione del glorioso campo sportivo cittadino. La Spadaforese sarebbe nuovamente costretta a peregrinare per i campi del comprensorio senza però stavolta poter serbare la speranza di tornare prima o poi a casa. Al posto del vecchio impianto comunale, che sparirebbe portandosi dietro un ricco bagaglio di ricordi di intere generazioni, dovrebbe sorgere un parco urbano che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, dovrebbe richiamare la storia e le origini del centro tirrenico. L’idea, infatti- come spiega il sindaco Giuseppe Pappalardo – è quella di preservare l’ingresso del campo sportivo con l’arco recante il motto “Mens sana in corpore sano” sormontante un calciatore con la maglia a quarti giallonera. La storia locale sarebbe richiamata anche da un palco per la banda musicale (istituzione cittadina anch’essa di grande valenza storica) e da una fontana a forma di barca collocata al centro del nuovo parco urbano a ricordo delle origini marinare di Spadafora che vanta una delle più numerose flotte della Sicilia. In una lettera aperta diffusa ai cittadini, il sindaco Pappalardo ha spiegato che, anche per il futuro, l’esecutivo garantirebbe tuttavia un contributo personale per sostenere la squadra anche per pagare il canone di affitto dell’eventuale impianto che ospiterebbe la Spadaforese. Personale in quanto le casse comunali non consentirebbero l’erogazione di sostegni economici istituzionali. Entro il prossimo luglio, alla Spadaforese dovrebbe intanto essere liquidato il contributo relativo alla stagione sportiva appena conclusasi e che la formazione giallonera ha onorato con risultati che, ad onor del vero, lasciano ben sperare per il futuro sia sotto l’aspetto tecnico che sul piano della gestione delle risorse, almeno alla luce dell’ottimo lavoro svolto dallo staff del presidente Letterio Pistone. Il sindaco Pappalardo ha inoltre aggiunto che- appena verificatasi la possibilità di un bando per la costruzione di una struttura sportiva- la sua Amministrazione si è subito attivata per la realizzazione di un nuovo impianto di gioco accanto alla costruenda elipista. I lavori del parco urbano dovrebbero partire alla fine dell’estate ormai imminente o comunque prima del 2014 e dovrebbero essere ultimati entro un anno. Il “Farsaci” avrebbe quindi le settimane contate. Si riuscirà a far proseguire una tradizione che prosegue ininterrotta dal lontano 1922?