Barcellona P.G. La 4 E del “Medi” realizza un’App per il linguaggio dei segni

0
173
Morosito

Un’applicazione per oltrepassare le barriere dell’incomunicabilità. Si chiama “Lis”. A crearla, i ragazzi della 4 E del Liceo Scientifico “Enrico Medi” di Barcellona Pozzo di Gotto. Attraverso l’interessante App, comodamente scaricabile da Play Store, è possibile entrare in contatto con il linguaggio dei segni per sordomuti. Basta scrivere un vocabolo, infatti, per ottenere il corrispettivo nel linguaggio convenzionale dei segnanti attraverso un breve video. Un lavoro intenso che comunque ha entusiasmato parecchio i ragazzi che lo hanno definito come “l’esperienza più interessante in questi anni di scuola superiore”. I giovani Santino Biondo e Maria Elena Recupero hanno annunciato che adesso l’obiettivo degli allievi della 4 E è quello di rendere l’applicazione ancora più completa e funzionale. L’interessante iniziativa è scaturita nell’ambito del progetto che ha portato i ragazzi a simulare la costituzione di un’impresa che hanno chiamato Beyond SPA. Un’esperienza che è servita anche a proiettarli nella realtà lavorativa, così come ha spiegato la docente Gabriella Cilona, referente del progetto. Gli alunni della 4 E hanno ricevuto elogi in due sessioni di concorsi tenutesi a Messina e Siracusa. Elogi sono giunti anche dal Dirigente Scolastico Domenica Pipitò che non ha nascosto la sua soddisfazione non soltanto per la realizzazione della pregevole iniziativa, ma anche per la sensibilità dimostrata dai ragazzi nello scegliere una tematica di grande utilità sociale.