Ato 1, anche Frazzanò anticipa i fondi

0
45

Anche il comune di Frazzanò, anticipa fondi all’Ato1 per i lavoratori in difficoltà. Infatti, da diversi mesi i lavoratori che effettuano la raccolta rifiuti per conto della ditta Multiecoplast srl nel piccolo centro nebroideo, non percepiscono alcuna somma, nonostante ogni giorno, garantiscono la prestazione e il paese sempre pulito. Con delibera di Giunta Municipale n.58/2013 il Comune ha stabilito di anticipare le somme dovute ai lavoratori e nello stesso tempo di rientrare con i crediti vantati dall’Amministrazione. La somma che ha ammesso a disposizione della società d’ambito, di euro 11.588 è di anticipazione, al pagamento di due fatture per i mesi di Gennaio e Febbraio 2013 per i servizi resi e non pagati dai cittadini attraverso le bollette.
Dal 1 luglio i Comuni sono chiamati a gestire la nuova tassa TARES, che sostituirà la Tia. Nell’ottica della nuova imposta i Comuni di Frazzanò, Longi, Mirto e Galati Mamertino hanno avviato diversi incontri nella determinazione di costituire una nuova società (ARO), al posto dell’Ato, che gestirebbe la raccolta dei rifiuti direttamente, nell’interesse dei cittadini, garantendo un risparmio sicuro per le casse Comunali.
 “La scelta di ricorrere all’anticipazione- dichiara il sindaco Antonino Carcione- si determina soprattutto per garantire al personale adibito alla raccolta un minimo di responsabilità civile, senza che siano loro, per primi a pagare, questa gestione fallimentare, garantendo come sempre pulizia e continuità al paese. Spero che altri Sindaci seguiranno questa iniziativa continua il Sindaco, anche perché queste spese prima o poi si dovranno pagare”.