Barcellona, ora si fa dura – Giallorossi sconfitti anche in gara 2

0
17
Morosito

La Bitumcalor Trento s’impone in Sicilia anche in gara2 per 93-95. La squadra di Coach Perdichizzi si trova, ora, sotto 0-2 nella serie ed è costretta a vincere entrambe le gare in trasferta per sperare nel passaggio del turno. Sfortunata negli episodi e in alcune scelte arbitrali, la Sigma ha dato comunque segnali molto positivi rispetto alla prima gara.

Memore dell’inizio choc di due giorni fa la Sigma Barcellona parte forte e dopo 1’30’’ è avanti 6-2 grazie a Callahan, Green e una percussione di Thomas. La Bitumcalor non si scompone e nonostante il ritmo incalzante dei siciliani arriva prima alla parità (9-9) con due ottime giocate di Elder (ubriacante penetrazione e tripla) per poi mettere la testa avanti grazie al canestro e fallo trasformato in tre punti da Garri (11-12 dopo 4’). I lunghi di Barcellona si muovono bene, ma Trento non permette ai padroni di casa di allungare nonostante l’antisportivo fischiato a Dordei: Garri costringe al secondo fallo Cittadini e fa 2/2 dalla lunetta, Umeh in contropiede elude Hardy (20-19 con 2’ da giocare). Il primo periodo si chiude sul 24-23 per i padroni di casa.

In apertura di secondo quarto è Umeh show: il nigeriano sguscia via per ben due volte al marcatore e porta i suoi sul 24-27 dopo 1’. Garri è un’autentica spina nel fianco della squadra di Coach Perdichizzi, l’argento olimpico nel pitturato è immarcabile (29-31 dopo 3’). La Sigma passa in vantaggio a 5’ dall’intervallo grazie a due canestri di Hardy, l’ultimo in volata in contropiede (35-33). Coach Buscaglia si affida a uno dei suoi uomini migliori, BJ Elder che, smarcato abilmente sulla linea dei tre punti dalla rimessa, porta i suoi nuovamente avanti (37-38 a 2’30’ dall’intervallo. Toto Forray realizza dalla media, ma il coast-to-coast di Green che accelera e arriva al ferro fissa il parziale sul 43-42 all’intervallo.

Callahan da tre dopo un minuto realizza per Barcellona (46-42). Pascolo segna il valco sul match: stoppata di Pascolo da dietro su Cittadini pronto a inchiodare la schiacciata, dall’altro lato del campo ne mette due nell’area colorata (46-46 dopo 4’). Elder da tre e Umeh in contropiede completano il break per la Bitumcalor (0-9 in 1’30’’) per il 46-51 dopo 4’. Barcellona ferita, risponde con un altro mini break (8-0) e va avanti 54-51. In un momento di difficoltà come questo la Bitumcalor trova risorse inaspettate: Spanghero mette due bombe risolutrici (54-58 a 3’). Di nuovo la Sigma si aggrappa al match e negli ultimi secondi del quarto riesce a terminare addirittura in vantaggio: 62-60.

Umeh frana su Hardy al tiro da tre, la palla esce ma lo statunitense fa 3/3 (65-60 dopo 1’). L’inerzia del match sembra ora in mano alla Sigma, con la tripla di Giuri la Sigma va avanti di 8 (70-62 a 7 dalla fine). E’ il solo Elder a tenere in vita la squadra di Coach Buscaglia in questo frangente, sono 8, infatti, i punti in fila dell’americano: una penetrazione al ferro e due triple con coefficiente di difficoltà altissimo (70-68 a 6’ dalla fine). Ma non è ancora sazio, riceve fuori dall’area, intravede il varco per la penetrazione e trova canestro, fallo, realizzando anche il libero aggiuntivo (70-71 a 4’ dal termine).

Chirurgico Pascolo dalla media distanza nonostante la buona difesa di Callahan (72-73 a 2’ dal termine).

Quando Trento è in difficoltà, Coach Buscaglia corre da Elder. La tripla e l’eccezionale esecuzione del tiro dal palleggio in transizione del colored portano i bianconeri sul 76-78 a 1’ dalla fine. Realizza Pascolo (76-80), ma al giovane va imputata una sanguinosa persa a 30 secondi dalla fine che da spazio a Hardy per il canestro della pareggio (80-80). Palla a Elder per gli ultimi secondi, ma sulla sirena non arriva il canestro della vittoria, si va all’overtime.

Subito Umeh con una tripla e una canestro dal palleggio dalla media allunga per i suoi (80-85 dopo 1’)

Hardy arriva al ferro per due volte di fila e la Sigma ricuce lo strappo dopo poco (84-85 a 3 dalla fine).

Elder sulla sirena dei 24 e sui fischi del pubblico che invocavano l’invalidità del canestro manda Trento sul +3 (84-87), ma Cittadini rimedia da sotto e parte la guerra psicologica dei liberi. Si va punto a punto fino alla fine, quando Cittadini prende il rimbalzo a 4‘’ dalla fine sul libero sbagliato di Hardy e fa cilecca con il tiro che avrebbe portato sopra Barcellona (93-94). Termina la gara 93-95 per Trento.